THE POSITIVE FORCE & ADE OLATUNJI "Oracy"

THE POSITIVE FORCE & ADE OLATUNJI "Oracy"
'Oracy' di The Positive Force e Ade Olatunji appartiene al corpo delle registrazioni degli anni '70 che unirono due dei grandi veicoli afroamericani per espressione, jazz e poesia, in un'unica forza potente. Un'ispirazione profondamente raddoppiata come una lente importante nella lotta duratura per il cambiamento sociale e l'equità razziale.Negli anni '60 e '70, le comunità afroamericane hanno dato vita a nuove forme radicali e visionarie di creatività, sconvolgendo le divisioni tra arte, politica, identità culturale e partecipazione. Spesso collegato all'autodeterminazione e alle filosofie afrocentriche, questo movimento - che traspira nella danza, nel teatro, nella poesia, nella musica, nell'arte visiva e nei modi di dire che li hanno schierati insieme - possono essere intesi come appartenenti a una seconda ondata di diritti civili movimento, testimone di molte comunità nere, artisti e attivisti che si voltano verso l'interno, alla ricerca di nuovi mezzi attraverso i quali organizzare, parlare, apprendere ed esprimere; la creazione di forme d'arte interamente realizzate dal loro popolo e dal loro popolo. Poiché gran parte di questa attività è avvenuta in tempo reale, con i suoi manufatti distribuiti localmente tra le piccole comunità, rimane di difficile accesso al di fuori del proprio momento, ma può essere riconosciuta come una corrente cruciale che corre al di sotto del jazz degli anni '70.Durante questa era, gli artisti hanno iniziato le loro etichette discografiche e locali, liberandosi dalla dipendenza e dallo sfruttamento esterni. Molti hanno collaborato all'interno di una rete tentacolare, dove si sono riuniti in una serie infinitamente riconfigurante di gruppi, mentre altri hanno lavorato all'interno di collettivi ormai leggendari come Sun Ra's Arkestra, l'AACM (Association for the Advancement of Creative Musicians), l'Afro-Arts Theatre di Kelan Phil Cohran , il gruppo di artisti neri e il Pan Afrikan Arkestra.Tra i più rari e ambiti di questi gesti, c'è un disco solitario intitolato Oracy, pubblicato privatamente nel 1977 dall'ensemble di Detroit, The Positive Force & Ade Olatunji, ora ristampato per la prima volta su vinile dall'impronta neozelandese Rain & Shine. Un risultato imponente che collega i mondi di attivismo, coscienza culturale, poesia e jazz spirituale come un'unica forza, il suo tanto atteso ritorno è un evento veramente storicamente significativo. Pochi dettagli sono ampiamente noti sul gruppo dietro Oracy, The Positive Force, accompagnato dalla poetessa Ade Olatunji. Mentre è la loro uscita solitaria registrata, pubblicata nel 1977 su Pamoja Records, ci sono indicazioni che il progetto è durato per qualche tempo ed è stato collegato a una più grande costellazione di creatività e cultura insieme a Detroit. Un membro racconta: "Ricordo che Detroit era un focolaio culturale nel 1977. C'erano poesia, teatro e musica ovunque". Quando entrarono nello studio, il gruppo stabilì il loro titolo, Oracy, che trassero dal termine di alfabetizzazione orale di Wole Soyinka, una pratica profondamente collegata alla loro.Oracy appartiene al corpo delle registrazioni degli anni '70 che unirono due dei grandi veicoli afroamericani per espressione, jazz e poesia, in un'unica forza potente. Insieme agli sforzi ben noti di Amiri Baraka, Mtume Umoja Ensemble, Pharoah Sanders e Archie Shepp, numerosi altri lo dispiegarono con un effetto incredibile, ma Oracy è senza dubbio tra i più sorprendenti. Una meravigliosa, soffocante realizzazione di jazz spirituale vocale e strumentale, che a volte si avventura in una improvvisazione completamente libera, intrecciata con suoni concreti - una tempesta, spari, aerei - si alza e cade sui suoi due lati.Sostenuti da suoni funky, profondamente emotivi e solidi, le parole di Olatunji consegnate con forza scorrono attraverso argomenti di profonda consapevolezza e preoccupazione sociale e culturale, dalla politica delle relazioni alla violenza urbana e all'abuso di droghe, creando un'espressione gioiosa attingendo alla bellezza, all'intimità e immediatezza di una cultura e di una comunità, chiusi in una danza con le dure realtà della vita quotidiana.Uno dei grandi trionfi dell'autodeterminazione sociale, politica e creativa che è sorto dalle comunità afroamericane durante gli anni '70, per non parlare del jazz in generale, è difficile esprimere quanto potente e previdente The Positive Force & Ade Olatunji's Oracy in questo momento. Un lavoro profondamente stimolante di bellezza ed espressione, che funge anche da obiettivo importante nella lotta duratura per il cambiamento sociale e l'equità razziale, è impossibile per noi raccomandarlo abbastanza.

SCOPRI TUTTE LE DATE


News inserita il